> Home » Serie TV » The Expanse 2: ecco la recensione dei primi due episodi
Fantascienza Recensioni Serie TV

The Expanse 2: ecco la recensione dei primi due episodi

the expanse seconda stagione

Recensione dei primi due episodi di The Expanse

the expanse seconda stagione

La seconda stagione di The Expanse è riuscita ancora una volta a catturare la mia attenzione. Mettiamo però le cose in chiaro: non è Batlestar Galactica, non è un telefilm così maturo, però esprime bene le proprie idee.

La seconda stagione riprende dallo stesso punto in cui è terminata la prima, James Holden insieme a Josephus Miller, Naomi Nagata ed il resto dei sopravvissuti della stazione di Eros sono diretti presso l’OPE, dove cercheranno di convincere Fred Johnson ad aiutarli con i suoi mezzi militari a scoprire chi si nasconde dietro l’attacco bioterroristico su Eros. Ma la vera impresa sarà ancora una volta quella di convincere sia Marte sia la Terra che nessuna delle due vuole dichiarare guerra all’altra.

 

La storyline di base è sempre la stessa, il fulcro di tutto sono i continui dissapori tra gli abitanti della terra e gli abitanti di Marte. Il problema è chi alimenta le tensioni tra i due pianeti.

Avrei preferito uno stile narrativo diverso, noi sappiamo più fatti dei protagonisti stessi, avrei preferito che ci fossero più colpi di scena anche per noi telespettatori e non solo per i protagonisti. In questi primi due episodi della seconda stagione di the Expanse vengono presentati dei nuovi personaggi, alcuni molto interessanti ma che per ora non sono ancora riusciti ad emergere.

Gli effetti speciali in The Expanse sono ben fatti, soprattutto gli interni delle navi spaziali. Mi piace che la storia si muova in un periodo storico in cui noi umani abbiamo la tecnologia per poter viaggiare nel nostro sistema solare, ma che non siamo ancora arrivati ad avere un contatto con delle forme di vita aliene. Si potrebbe dire che questo sia l’unico dettaglio originale di questa serie tv. Ciò che davvero non mi piace in The Expanse sono i dialoghi, i discorsi fatti dal “leader” James Holden a volte non sono semplicemente banali, ma anche senza senso

Consiglio The Expanse a chi come me ama il genere fantascientifico, e soprattutto ha voglia di guardare una serie tv ambientata nello spazio…

The Expanse Cast:

Seguimi su Twitter e Instagram per cazzeggiare insieme parlando di serie tv e tecnologia!

  • blade slave

    con la 2 stagione 12 episodio abbiamo scoperto che come sempre c’e un oca giuliva (donna stupida )
    la nera con la testa rasata a cresta, prima di fare la crocerossina dovrebbe dire al suo fidanzato che si e dimenticata di distruggere il missile con la protomolecola, nascosto nella miniera asteroidale abbandonata .
    se muore cosa succede? gli altri convinti di aver sconfitto la protomolecola dopo non capiscono perche e ricomparsa?
    come dico sempre, se una donna rimane come unica speranza fai prima a far saltare la terra prima.
    tanto sara lei l’oca giuliva.
    una volta tanto fare una serie senza una donna stupida e cosi brutto da fare?

    • Non la penso come te. Il personaggio di Naomi è ben fatto, non si tradisce mai. E’ vero ha mentito a tutti sulla protomolecola, ma lo ha fatto per proteggere la sua gente. Sia la Terra sia Marte ora hanno la protomolecola, lei non distruggendola ha garantito questa tecnologia anche a loro, che lottano per tutti, soprattutto per i centuriani, abbandonati a se stessi e vittime di entrambi i pianeti. Quindi no, Naomi è fondamentale, non ha sbagliato.